Scopri come proteggere la tua barriera cutanea

Una pelle bella (o dall’aspetto sano) è una pelle con una barriera cutanea forte e ben idratata. La sua struttura permette al nostro organismo di difendersi dalle aggressioni degli agenti esterni, per questo dobbiamo sempre utilizzare formule che la aiutino a mantenere il più possibile il suo equilibrio naturale. Ma come è strutturata esattamente la barriera cutanea e come fare per aiutarla a riequilibrarsi e rinforzarsi per avere sempre una pelle dall’aspetto più sano?

Che cos’è la barriera cutanea

La barriera cutanea è la superficie più esterna della pelle e comprende lo strato corneo, la parte superiore dell’epidermide. Lo strato corneo a sua volta è composto da cellule epidermiche, lipidi e fattori idratanti naturali come aminoacidi e acidi grassi. Le cellule epidermiche sono i “mattoni”, mentre i lipidi sono il “cemento” di questa barriera che per essere sempre forte e strutturata deve mantenere un’idratazione ottimale e contrastare la dispersione di molecole d’acqua.

Le funzioni della barriera cutanea

La funzione principale della barriera cutanea è appunto quella di proteggere il corpo dagli attacchi degli agenti esterni: freddo, sole, vento e tutto ciò che rappresenta un contatto con il mondo esterno. Oltre a difenderci dalle aggressioni esterne, la barriera cutanea impedisce anche al nostro corpo di disidratarsi, trattenendo le molecole d’acqua e regolando la corretta idratazione della pelle

Che succede quando la barriera cutanea viene danneggiata

Se la barriera cutanea viene danneggiata o compromessa, questa diventa più sensibile alle aggressioni esterne e alla polvere, e così inquinamento e raggi UV possono penetrare più facilmente.

Una barriera cutanea danneggiata perde anche molecole d’acqua dall’interno, finendo per alterare l’equilibrio di tutta la struttura epidermica. La pelle perde così elasticità, diventa opaca e finisce per mostrare secchezza, arrossamenti, macchie e altri inestetismi.

Com’è strutturata una barriera cutanea dall’aspetto sano?

Una barriera cutanea forte e dall’aspetto sano trattiene efficacemente l’umidità della pelle rendendola più forte nei confronti di aggressioni. “Mattoni” e “cemento” dimostrano un’ottima tenuta se la pelle mantiene sempre il suo ottimale livello di idratazione: di conseguenza sarà anche più luminosa, morbida e tonica.

Quando la barriera cutanea è idratata è anche più resistente, e la pelle è liscia e appare più giovane. Ma cosa succede quando questo equilibrio si altera?

Quali le cause di una barriera cutanea danneggiata?

Ad alterare l’equilibrio della barriera cutanea possono essere una serie infinita di cause: sbalzi di temperatura, aria condizionata o caloriferi troppo alti, raggi UV e molto altro. Una barriera cutanea danneggiata causa subito uno scompenso di idratazione e la pelle diventa non solo secca, ma anche più vulnerabile e stressata. Tra le cause principali del danneggiamento della barriera cutanea ci sono:

Per i fattori esterni

  • aiutare a rinforzare la barriera cutanea;

  • Aggressioni esterne

  • Raggi UVA e UVB

  • Inquinamento


Per i fattori interni

  • Genetica

  • Stress


A stressare la pelle, comunque, concorrono anche tanti altri fattori come:

  • cambi di stagione

  • temperature e condizioni climatiche estreme

  • contatto con il cloro e l’acqua salata

  • uno stile di vita poco salutare

  • rasatura e depilazione


A causare un indebolimento della barriera cutanea, infine, possono concorrere anche azioni quotidiane di skincare non adatte, come una pulizia superficiale della pelle e l’utilizzo di prodotti inadatti al proprio tipo di pelle.

Come riconoscere una barriera cutanea danneggiata

Per avere un’idea delle condizioni in cui versa la vostra barriera cutanea, osservatela attentamente. Se presenta arrossamenti, imperfezioni e secchezza è sicuramente danneggiata. Ma i segni possono variare notevolmente a seconda del tipo di pelle. La pelle grassa, per esempio, quando è danneggiata si presenta più lucida e potrebbe produrre sebo in eccesso, mostrando imperfezioni tipiche della pelle a tendenza acneica, come brufoli e punti neri. La pelle secca, invece, potrebbe diventare ruvida, arrossata e screpolata.

Come fare rinforzare e idratare la barriera cutanea

Il grado di idratazione ottimale della pelle può essere offerto attraverso l’uso di una crema idratante applicata quotidianamente, insieme a un fondotinta che la protegga e ritardi i segni dell’invecchiamento cutaneo: prodotti specifici, che devono essere scelti appositamente sulla base del proprio tipo di pelle.

Proprio per questo motivo le Boutique Kiehl’s sono a disposizione per una valutazione gratuita della vostra pelle; in soli 5 minuti, uno dei nostri esperti analizzerà lo stato della vostra barriera cutanea e il suo livello di idratazione. Sulla base di questa analisi, vi verrà suggerita anche una routine specifica e personalizzata per prendervi cura della pelle con formule in grado di soddisfare le vostre specifiche esigenze.


Mantenere la barriera cutanea correttamente idratata e protetta non è soltanto una questione estetica, significa avere una pelle dall’aspetto più sano e un corpo ben protetto dalle aggressioni esterne.